Vai al contenuto

OnePiece

OnePiece

Ogni Domenica nuove puntate

Guarda Adesso

INSATIABLE

INSATIABLE

CONSIGLIATO DA DDLSTREAMITALY

Novità sempre in aggiornamento

Novità sempre in aggiornamento

Nuove serie tv in arrivo

Get Premium

Diventa vip per vedere tutto il contenuto del sito senza limiti
 

cosa stai aspettando?

🤭

Diventa Premium
G4U55

11-11 Memories Retold (2018) [SUB ITA][Multihost]

Recommended Posts

QcMLdh.png

Descrizione

È un gioco che non punta all’intrattenimento fine a se stesso, ma è principalmente un’occasione per riflettere – sfruttando il grande potenziale sotteso all’interattività del videogioco – su una delle pagine storiche più complesse e oscure del secolo scorso. Ambientato nel corso della Grande Guerra, di cui proprio in questi giorni ricorre il centenario della fine del conflitto, 11-11 mira a ripercorrere gli ultimi anni di un tragico evento che ha lasciato una ferita indelebile in Europa, dove tanti giovani e semplici civili hanno perso la vita. Ciò che sembra un’operazione ardua, ossia la ricostruzione storica attraverso un prodotto di intrattenimento, si traduce in realtà in un’opera profonda, ben sceneggiata e molto coinvolgente, in grado di raccontare, soprattutto ai pubblici più giovani, un avvenimento drammatico qual è stata la Prima Guerra Mondiale, senza tuttavia mai perdere l’appeal e la fascinazione di un gioco elettronico.

La grande forza di 11-11: Memories Retold risiede in primo luogo nel suo racconto, che si dipana attraverso le storie dei due diversi protagonisti, Kurt e Harry. Il primo è un ingegnere che lavora in una fabbrica tedesca che produce dirigibili, il quale, dopo aver ricevuto notizie preoccupanti sulla divisione di suo figlio Max partito per il Fronte Occidentale, decide di arruolarsi a sua volta per riportare a casa il suo ragazzo. Harry, invece, è un giovane fotografo canadese, invogliato da un ufficiale dell’esercito ad unirsi ai reggimenti inglesi per documentare la vita in trincea e sul campo di battaglia attraverso i suoi scatti. Entusiasta di questa esperienza nuova e adrenalinica, Harry decide di imbarcarsi per l’Europa, ma ben presto si trova a fare i conti con una realtà meno intrigante di quanto si aspettava, conoscendo sulla propria pelle la difficoltà e le atrocità della guerra. Alternando le due storie con grande maestria, lasciando scegliere al giocatore con quale personaggio affrontare l’inizio di ogni nuovo capitolo, Aardman e DigixArt hanno imbastito un racconto potente, in cui i destini dei due personaggi, nemici per colpa di una guerra in cui si sono trovati coinvolti loro malgrado, sono costretti ad incrociarsi, dando vita ad una trama forte, quanto umana. Sebbene le storie di Kurt e Harry non siano reali ma realistiche, sono comunque capaci di veicolare temi importanti, come il rispetto per la vita dell’altro, sia esso un nemico o un alleato, e soprattutto il concetto di umanità. Nonostante sia caratterizzato da uno stile artistico che infonde al gioco un’atmosfera surreale, quasi magica, 11-11: Memories Retold racconta una storia cruda e tristemente vera, dove il lato umano delle cose emerge in modo significativo, offrendo al giocatore materiale importante su cui riflettere. Anche se “travestito” da videogioco, il nuovo titolo di Aardman e DigixArt vuole essere un percorso emozionale e al tempo stesso terreno, capace di coinvolgere, appassionare, ma al tempo stesso informare giocando su una delle pagine più terribili della Storia del Novecento.

Accanto al comparto narrativo, un altro elemento che affascina di 11-11: Memories Retold è sicuramente il suo originale stile artistico. Ideato da Aardman e DigixArt – i primi sono lo studio britannico creatore della popolare serie in stop motion “Wallace&Gromit”, e dunque una garanzia di qualità – il percorso che ha portato alla scelta di uno stile che rendesse il gioco al pari di un “dipinto vivente” è stato lungo e complesso. Per renderlo coerente al periodo storico in cui il titolo è ambientato, i designer hanno deciso di ispirarsi ai vari movimenti artistici maggiormente in voga all’epoca, dall’Impressionismo al Cubismo passando per il Futurismo, offrendo come risultato finale un prodotto davvero unico da un punto di vista visivo. L’adozione di questo stile artistico molto particolare, inoltre, tende ad ammorbidire i contenuti drammatici che vengono veicolati da 11-11: Memories Retold, infondendo l’esperienza di un’atmosfera onirica, quasi impalpabile.

Screenshots

Si prega di accedere o registrarsi per vedere questo spoiler

Modificato da G4U55

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

header.jpg


11.11.Memories.Retold-CODEX | 4.02GB | MULTILINGUA (SUB ITA)

Informazioni sul gioco


 È un gioco che non punta all’intrattenimento fine a se stesso, ma è principalmente un’occasione per riflettere – sfruttando il grande potenziale sotteso all’interattività del videogioco – su una delle pagine storiche più complesse e oscure del secolo scorso. Ambientato nel corso della Grande Guerra, di cui proprio in questi giorni ricorre il centenario della fine del conflitto, 11-11 mira a ripercorrere gli ultimi anni di un tragico evento che ha lasciato una ferita indelebile in Europa, dove tanti giovani e semplici civili hanno perso la vita. Ciò che sembra un’operazione ardua, ossia la ricostruzione storica attraverso un prodotto di intrattenimento, si traduce in realtà in un’opera profonda, ben sceneggiata e molto coinvolgente, in grado di raccontare, soprattutto ai pubblici più giovani, un avvenimento drammatico qual è stata la Prima Guerra Mondiale, senza tuttavia mai perdere l’appeal e la fascinazione di un gioco elettronico.

La grande forza di 11-11: Memories Retold risiede in primo luogo nel suo racconto, che si dipana attraverso le storie dei due diversi protagonisti, Kurt e Harry. Il primo è un ingegnere che lavora in una fabbrica tedesca che produce dirigibili, il quale, dopo aver ricevuto notizie preoccupanti sulla divisione di suo figlio Max partito per il Fronte Occidentale, decide di arruolarsi a sua volta per riportare a casa il suo ragazzo. Harry, invece, è un giovane fotografo canadese, invogliato da un ufficiale dell’esercito ad unirsi ai reggimenti inglesi per documentare la vita in trincea e sul campo di battaglia attraverso i suoi scatti. Entusiasta di questa esperienza nuova e adrenalinica, Harry decide di imbarcarsi per l’Europa, ma ben presto si trova a fare i conti con una realtà meno intrigante di quanto si aspettava, conoscendo sulla propria pelle la difficoltà e le atrocità della guerra. Alternando le due storie con grande maestria, lasciando scegliere al giocatore con quale personaggio affrontare l’inizio di ogni nuovo capitolo, Aardman e DigixArt hanno imbastito un racconto potente, in cui i destini dei due personaggi, nemici per colpa di una guerra in cui si sono trovati coinvolti loro malgrado, sono costretti ad incrociarsi, dando vita ad una trama forte, quanto umana. Sebbene le storie di Kurt e Harry non siano reali ma realistiche, sono comunque capaci di veicolare temi importanti, come il rispetto per la vita dell’altro, sia esso un nemico o un alleato, e soprattutto il concetto di umanità. Nonostante sia caratterizzato da uno stile artistico che infonde al gioco un’atmosfera surreale, quasi magica, 11-11: Memories Retold racconta una storia cruda e tristemente vera, dove il lato umano delle cose emerge in modo significativo, offrendo al giocatore materiale importante su cui riflettere. Anche se “travestito” da videogioco, il nuovo titolo di Aardman e DigixArt vuole essere un percorso emozionale e al tempo stesso terreno, capace di coinvolgere, appassionare, ma al tempo stesso informare giocando su una delle pagine più terribili della Storia del Novecento.

Accanto al comparto narrativo, un altro elemento che affascina di 11-11: Memories Retold è sicuramente il suo originale stile artistico. Ideato da Aardman e DigixArt – i primi sono lo studio britannico creatore della popolare serie in stop motion “Wallace&Gromit”, e dunque una garanzia di qualità – il percorso che ha portato alla scelta di uno stile che rendesse il gioco al pari di un “dipinto vivente” è stato lungo e complesso. Per renderlo coerente al periodo storico in cui il titolo è ambientato, i designer hanno deciso di ispirarsi ai vari movimenti artistici maggiormente in voga all’epoca, dall’Impressionismo al Cubismo passando per il Futurismo, offrendo come risultato finale un prodotto davvero unico da un punto di vista visivo. L’adozione di questo stile artistico molto particolare, inoltre, tende ad ammorbidire i contenuti drammatici che vengono veicolati da 11-11: Memories Retold, infondendo l’esperienza di un’atmosfera onirica, quasi impalpabile.

 

11-11 Memories Retold (2018)
Genere: Avventura, Casual
Sviluppatore: Aardman Animations, Digixart
Editore: BANDAI NAMCO Entertainment Europe
Data di rilascio: 9 nov 2018
 


Si prega di accedere o registrarsi per vedere questo quote

Screenshots


Si prega di accedere o registrarsi per vedere questo link

Si prega di accedere o registrarsi per vedere questo link

Si prega di accedere o registrarsi per vedere questo link

Si prega di accedere o registrarsi per vedere questo link



----------INFO E COME INSTALLARE:
- Extract
- Burn or mount the .iso
- Run setup.exe and install
- Copy crack from CODEX dir to installdir
- Play


logo.png

Si prega di accedere o registrarsi per vedere questo code

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

×